Approdato sulla sponda giusta, l’Ecomuseo acquista velocità

La decisione di Gorla Maggiore di prendere in mano la situazione porta a risultati immediati

Dopo anni di parole e promesse, alla prova dei fatti troppo spesso solo di circostanza, non appena il progetto Ecomuseo della Valle Olona ha trovato una sponda istituzionale seria e affidabile, il destino è rapidamente cambiamento nel giro di poche settimane.

Questo emerge infatti dall’ultimo incontro tra i rappresentati dell’Associazione e il Comune di Gorla Maggiore. Presa a cuore la situazione, il Sindaco Pietro Zappamiglio (a sinistra nella foto con il Coordinatore dell’Associazione Stefano Mattei Arpiselli) non ha voluto perdere tempo nell’arrivare a una conclusione. Per dovere di cronaca, va sottolineato come tale decisionismo possa essere ricondotto almeno in parte alla candidatura per le elezioni regionali del 4 marzo. D’altra parte, un’opportunità della quale negli anni passati avrebbero potuto usufruire tutti gli altri Sindaci della zona. Se così non è stato, è solo per scelta personale.

Comunque sia, la macchina è ormai in moto. Dall’ultimo incontro di giovedì 15 febbraio sono emerse date certe e impegni ben definiti. Non a caso, già il giorno dopo è stata messa a punto la bozza definitiva della convenzione. Proprio oggi, inviata per PEC, la posta raccomandata digitale.

Ora, nel rispetto del calendario stabilito, si procederà comunque, da soli o con tutti quelli intenzionati a fare sul serio. Se l’adesione di Marnate è data quasi per certa e altri due paesi si sono sempre manifestati  a favore, per tutti gli altri è il momento di uscire allo scoperto.

Entro il 10 marzo, sarà possibile presentare proposte di modifica alla convenzione da parte delle Amministrazioni. Il Comune capofila Gorla Maggiore avrà a quel punto dieci giorni di tempo per decidere se considerarle in linea con i requisiti del progetto secondo le indicazioni di Regione Lombardia. Entro il 30 marzo i Comuni riceveranno la versione definitiva della convenzione. Ancora un mese di tempo, entro il 30 aprile, per portare l’argomento in Consiglio Comunale. Dopodichè, sarà finalmente arrivato il momento di stabilire, verisimilmente a maggio, la data ufficiale per l’inaugurazione dell’Ecomuseo della Valle Olona e l’inizio di una nuova opportunità per tutta la zona.

Tra gli aspetti più importanti, una volta ottenuto il riconoscimento ufficiale da Regione Lombardia, sarà infatti possibile avviare una progettazione diffusa sul territorio, raccogliere idee da tutte le realtà presenti, prima di tutto Associazioni ma anche singoli cittadini, e quindi giocarsi le proprie carte nella partecipazione a bandi regionali, nazionali o Comunitari, presentandosi non più come singoli ma con la forza di una squadra.

Pubblicato il: 19 febbraio 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.