Notiziario Agenda Tempo Libero Immagini Storia Comuni Associazioni Ecomuseo

Contatti

La pista ciclopedonale della Valle Olona

1° tappa: Castellanza-Fagnano Olona

Il punto di riferimento per la partenza dell’itinerario è il passaggio a livello in prossimità della vecchia stazione delle Ferrovie Nord a Castellanza, su Via Sempione. Nella zona sono presenti diverse opportunità di posteggio. La pista ciclopedonale vera e propria comincia qualche metro più avanti lungo via Isonzo, la strada che costeggia la ferrovia i cui binari rimangono sulla destra. Seguendo la strada in leggera discesa si giunge presto al primo cartello di tracciato riservato ai pedoni.

Svoltando a sinistra si percorre un primo tratto di strada asfaltata con corsia preferenziale protetta da un cordolo. Fino a Olgiate Olona il percorso si muove in prevalenza tra zone abitate e spesso su vie aperte al traffico. Per i primi due chilometri circa è quindi necessario porre una certa attenzione, anche se si tratta in prevalenza di zone secondarie.

Dopo il tratto su asfalto, una prima sbarra segna l'inizio di una breve strada sterrata, via Redipuglia, che conduce a una zona residenziale 0,7 Km). Da via Adamello, all'altezza di via San Genesio, già nell'abitato di Olgiate Olona, superata una breve salita si imbocca a destra una discesa (1,14) che passa sotto l'autostrada Milano-Varese per risalire subito in costa. Si costeggia l'ex percorso di motocross ora abbandonato, mentre il panorama a nord-est comincia ad aprirsi verso le Prealpi e le Alpi.

Proseguendo sulla via San Genesio si arriva a incrociare via per Marnate (1,60). Si tratta di una strada abbastanza trafficata. Il passaggio pedonale, per quanto protetto, è inoltre in curva su una discesa e richiede di conseguenza un minimo di attenzione nell'attraversamento. Si trova pochi metri sulla destra, lungo la discesa. E' comunque ben segnalato e protetto. Immettendosi sulla viabilità ordinaria e procedendo per poche centinaia di metri lungo la discesa. appena superato il fiume si arriva al Parco del Mulino di Marnate. Area oggetto di un importante intervento di riqualificazione, offre uno luogo ideale per una breve sosta.

Da qui in avanti, via Molino del Sasso, inizia praticamente la ciclopedonale vera e propria, intesa come tracciato protetto lungo il fondovalle. Si scende infatti per un breve tratto prima di costeggiare un vecchio rione di Olgiate che sfocia sulla discesa che con lo stesso nome arriva dal paese (2,04). Qua, poco prima della sbarra che delimitail breve tratto sulla viabilità ordinaria locale, si trova anche una fontanella. Soprattutto nelle giornate calde, da tenere in considerazione, poichè non sono così frequenti.

Proseguendo. riprende il percorso lungo il fiume fino a incrociare via Isonzo, la SP21 per Gorla Minore-Marnate (2,62). Il passaggio pedonale è posto a circa 50 metri sulla destra, così da evitare la visibilità ridotta a causa della curva. In realtà, la pista ciclopedonale prosegue diritto su via S.Antonio Costaiolo per qualche metro, prima di deviare a destra.

In alternativa, per circa un chilometro è possibile percorrere un tratto parallelo. Superato l'attraversamento pedonale, dopo circa altri cinquanta metri in prossimità di un bivio della Provinciale sulla sinistra si presenta uno slargo riconoscibile da una zona di sosta impreziosita da un modellino di treno. Il tratto che inizia in questo punto risale il fondovalle di Gorla Minore per ricongiungersi al tracciato naturale all'altezza di un ponte sull'Olona dopo circa seicento metri, all'altezza di una scala che porta al Collegio Rotondi, subito dopo l'edificio della vecchia ferrovia.

Tornando sul percorso principale, il lungo rettilineo al confine tra Olgiate Olona e Solbiate Olona costeggia in parte un complesso industriale delimitato da un muro. Sull'altro lato, l'Olona è attraversato da un piccolo ponte per accedere a Gorla Minore e ricongiungersi all'altro braccio della pista ciclopedonale (3,52). Proseguendo si arriva invece alle porte di Solbiate Olona. Dopo una prima cabina del metano (3,95), comincia una leggera salita che si inasprisce strada facendo, pur restando breve. All'altezza di una seconda cabina del metano (4,22), la salita prosegue in direzione del paese per ricongiungersi con la via Calvi, mentre sulla destra una discesa riporta all'altezza dell'Olona.

Il prato attraversato è sede del popolare Ciclocross di Solbiate (4,38), appuntamento annuale che dopo aver ospitato i professionisti mondiali per 50 anni è ora teatro di confronto per giovani e amatori. Superato il passaggio pedonale su via Tobler (4,58), spostato di circa 30 metri sulla destra, si riprende il percorso protetto.

Superato il complesso del Cotonificio si riprende a costeggiare il fiume. Dopo breve (4,92), sulla destra si supera un piccolo ponte per i condotti del gas. Cento metri dopo (5,02), sempre sulla destra, il ponte detto Della Tiritera immette nei prati che dominano una sorta di isola: in questo tratto, l’Olona è infatti diviso in due rami. Quello lungo cui ci si muove in realtà è un canale a uso delle industrie locali del passato.

Si prosegue sempre lungo il fianco sinistro risalendo il fondovalle Dopo il viadotto dell'Autostrada Pedemontana (5,23), si arriva a un doppio bivio al termine di una leggera salita (5,56). La strada che risale nella direzione opposta torna nell'abitato di Solbiate Olona, mentre l'altra va in direzione di Fagnano Olona, lungo la Passeggiata Ecologica.

La sede stradale prosegue lungo una discesa in direzione di Fagnano Olona, sempre a poca distanza dal fiume. Una breve salita porta a un nuovo bivio. Sulla destra, dopo una discesa tanto ripida quanto corta, si accede a un ponte in legno proprio in prossimità della diramazione dell’Olona (5,70). Eventualmente, invece del ponte, sarebbe possibile proseguire sulla sinistra del fiume e, superate le tracce di una frana, attraversare in prossimità di un altro ponte. Il percorso ufficiale segue la prima indicazione. L'altro è comunque percorribile, anche se il fondo non è trattato e la sede molto più stretta.

Il tracciato ufficiale prosegue invece per il precedente ponte in legno. Meglio attraversare a piedi, perchè alla fine ci sono delle transenne . Dalla base di questa, riparte la strada che attraversa tutto il fondovalle fino a brusca curva a sinistra (5,88) poco sotto la strada Gorla Maggiore-Fagnano Olona, costeggiando una delle zone piantumate di recente con alberi autoctoni, fino al percorso vita.

Attraversato l'accesso a un capannone (6,00), dove è necessaria una certa attenzione in virtù della scarsa considerazione manifestata dai veicoli in entrata e uscita nei confronti di pedoni e ciclisti, per un tratto si costeggia la strada asfaltata che rimane sulla destra, attraversando un posteggio, fino a una curva in prossimità di un ponte stradale di recente costruzione.

Subito, sulla sinistra si apre l'area del Parco dell'Acqua. Importante progetto ambientale di Gorla Maggiore, offre una zona verde totalmente rimessa a nuovo, con un impianto di fitodepurazione, camminamenti e percorso vita. L'area è affidate alle cure dell'Associazione I Calimali, che ne hanno fatto anche la propria sede, Calipolis. Qua, oltra al risotro nelle domeniche estive, è possibile trovare informazioni e noleggiare biciclette.

In prossmità del'accesso a Calipolis (6,39), sulla destra la Costaiola sistemata di recente accede direttamente a Gorla Maggiore. Il luogo, si presenta come punto ideale per una sosta prima di riprendere il cammino, o la pedalata. Per chi invece volessa fare di questa zona punto di partenza o arrivo, poco più avanti (6,64), si incrocia Via Per Fagnano, strada collegata elle principali direttrici e con posteggi.

Introduzione

 

Privacy Policy
Volete restare sempre aggiornati?
Iscrivetevi alla newsletter

Tabella chilometrica
2 Tappa
Fagnano Olona-Gornate Olona
3 Tappa
Gornate Olona-Castiglione Olona

 

Stock Photography
Tutti i diritti riservati - E' vietata la riproduzione, anche parziale dei contenuti, senza autorizzazione
Testata registrata presso il Tribunale di Busto Arsizio n. 09/09
P.IVA 02231370129