Richiesta informazioni

Lettere alla redazione

Forum

Newsletter

Notiziario Agenda Tempo libero Storia Comuni Immagini Aziende Associazioni Sport Contatti

Il gonfalone della Provincia di Varese


BREVE STORIA DELLA CROCE DI SAN GIORGIO NELLA TRADIZIONE LOMBARDA

Il nuovo stemma provinciale recupera l’iconografia della “Croce di San Giorgio” (Croce rossa su fondo bianco) – per altro già presente nella bandiera impugnata da San Vittore nello stemma di Varese - nella quale sono inquadrati i simboli delle quattro città più importanti della provincia di Varese: San Vittore per Varese, il Gallo per Gallarate, la lettera B accompagnata in punta da una fiamma per Busto Arsizio, castello per Saronno.

La Croce di San Giorgio è nella nostra tradizione da secoli. E' un simbolo ricco di alti valori morali e contenuti storici. Meglio di tutti rappresenta la Lombardia e il suo popolo che sotto questa bandiera ha combattuto e vinto la battaglia di Legnano nel XII secolo.

I Lombardi nella storia si sono sempre fregiati di una croce rossa, sugli stendardi e sul petto. I Cavalieri Templari (dopo l'anno Mille) e i Lombardi fin da subito usavano già una Croce di colore Rosso al di sopra del metallo nudo/argento (cioè il Bianco). Lo stendardo con la Croce di San Giorgio fu piantato proprio dai combattenti lombardi sulle mura di Gerusalemme durante la crociata del 1096.

La bandiera di San Giorgio è detta anche "bandiera di Resurrezione" perché è stata da sempre usata nelle rappresentazioni iconografiche della Resurrezione di Cristo.

La diffusione geografica di tali bandiere è notevole. Infatti, prendendo una carta geografica dell'Europa di oggi e collocando sopra ogni città la sua bandiera, si può notare come l'insegna rosso crociata sia presente ancora oggi in moltissime insegne municipali. Proprio per questo motivo tutta l'Europa chiama l'area padano - alpina (che è la Longobardia dell'epoca Medioevale) "Area tipica delle croci Lombarde o Milanesi". Questa area si estende da Nizza fino al Golfo del Quarnero (Croazia).

L'importanza della croce di San Giorgio è stata istituzionalmente riconosciuta con l'adozione del Gonfalone della nostra Regione avvenuto con L.R. 85/1975 nel quale viene riprodotto il Carroccio.
 

Storia

Non è consentito l'utilizzo delle immagini presenti nel sito, se non dietro espressa autorizzazione dei titolari dei diritti

Inizio pagina