Notiziario Agenda Tempo libero Storia Comuni Immagini Aziende Associazioni Sport Contatti

Storia: I paesi del Palio in 100 domande


Solbiate Olona

1. CHE COSA C’ERANO A SOLBIATE OLONA NEL I° SECOLO A.C.?
Un monastero e una casa di Umiliati.

2. QUANTI DENARI DOVEVANO VERSARE I MONACI DELLA SANTA SEDE?
6 denari.

3. A CHE COSA SI DEDICAVANO GLI UMILIATI?
Alla lavorazione della lana.

4. QUALE PERSONAGGIO IMPORTANTE PASSÒ DA SOLBIATE OLONA NEL 1176?
Federico Barbarossa

5. IN CHE DATA IL BARBAROSSA PASSÒ PER SOLBIATE OLONA?
Il 29 Maggio 1176.

6. CHE COSA SUCCESSE NEL 1511?
Solbiate Olona fu incendiata dalle truppe del Cardinale di Sion.

7. CHE COSA SUCCESSE NEL 1515?
Solbiate Olona venne saccheggiata dai Lanzichenecchi.

8. COME SI CHIAMAVANO LE SOLDATAGLIE SVIZZERE CHE SACCHEGGIARONO SOLBIATE OLONA NEL 1515?
Lanzichenecchi.

9. QUANDO SOLBIATE OLONA DIVENNE PARROCCHIA?
Nel 1564.

10. CHI FU IL PRIMO PARROCO DI SOLBIATE OLONA?
Don Donato Armiraglio.

11. NEL 1564, QUANTI ABITANTI AVEVA SOLBIATE OLONA?
304.

12. ESISTE UN’ANTICA MAPPA DI SOLBIATE OLONA. IN CHE ANNO FU REDATTA?
Nel 1608.

13. DA CHI FU REDATTA LA PIÙ ANTICA MAPPA DI SOLBIATE OLONA?
Dall’ Ingegnere Bacca.

14. NEL 1600, QUANTI MULINI C’ERANO A SOLBIATE OLONA?
2.

15. COME SI CHIAMAVANO I MULINI CHE C’ERANO IN VALLE?
Mulino della misericordia e Mulino del Signor Besozzi.

16. CHE COSA AVVENNE NEL 1631/1632?
Un’epidemia di peste.

17. QUANTI FURONO I MORTI NEL 1632?
80.

18. CHE COSA VENNE COSTRUITO NEL 1632?
L’ oratorio di San Gregorio, detto Lazzaretto.

19. NEL 1884, A CHE COSA SERVÌ IL LAZZARETTO?
Per gli ammalati colpiti da un’ epidemia di colera.

20. NEL 1650, SOLBIATE OLONA DIVENNE FEUDO DI CHI?
Di Francesco Maria Terzaghi.

21. IN CHE DATA SOLBIATE OLONA DIVENNE FEUDO DEI TERZAGHI?
Il 23 Giugno 1650.

22. NELL’ARCHIVIO PARROCCHIALE SI LEGGE CHE “GIOVANI DONNE MORIRONO CADENDO DA MORONE”. CHE COS’È IL “MORONE”?
La pianta di gelso.

23. PERCHÉ A SOLBIATE OLONA C’ERANO I “MORONI”?
Perché la foglia del “morone”, il gelso, serviva per l’ allevamento del baco da seta.

24. NEI REGISTRI DELLA PARROCCHIA SI PARLA DI BAMBINI MORTI PER DUE MOTIVI PARTICOLARI. QUALI?
Cadendo nell’ Olona o divorati dai lupi.

25. CHI PER PRIMO SI OCCUPÒ DI INSEGNARE AI RAGAZZI DI SOLBIATE OLONA A LEGGERE E A SCRIVERE?
Il sacerdote Don Antonio Birigozzi.

26. ALLA FINE DEL ‘700, QUALI CHIESE C’ERANO A SOLBIATE OLONA? L’ oratorio San Gregorio, la Chiesa parrocchiale di Sant’Antonino Martire, la Chiesa sussidiaria di Solbiello SS. Gervaso e Protaso e l’ oratorio di San Rocco.

27. PERCHÉ LA CHIESA DI S.ANTONINO MARTIRE FU POI DETTA DEL SACRO CUORE?
Per una statua del Sacro Cuore posta sull’ altare maggiore dopo la costruzione della nuova Chiesa parrocchiale.

28. QUAL È LA PIÙ ANTICA DELLE CHIESE DI SOLBIATE OLONA?
La Chiesa di SS. Gervaso e Protaso a Solbiello.

29. A CHE EPOCA RISALE LA CHIESA PIÙ ANTICA DI SOLBIATE OLONA?
XI secolo.

30. CHE COSA SI CONSERVA NELLA CHIESA DI SOLBIELLO?
Un crocefisso miracoloso.

31. CHE COSA C’ERA SULLA PARETE DI DESTRA DELLA CHIESETTA DI S.ROCCO?
Un affresco del ‘400, madonna con Bambino e Santi.

32. CHE NE FU DELLA CAMPANA DELLA CHIESA DI SAN ROCCO QUANDO QUESTA FU ABBATTUTA?
Fu donata a Don Giovanni Caprioli per la sua missione in Brasile.

33. CHE COSA È STATO COSTRUITO IN RICORDO DELLA CHIESA DI SAN ROCCO?
Un piccolo tabernacolo con l’ effige di San Rocco, dietro la Chiesa parrocchiale.

34. DAI REGISTRI PARROCCHIALI RISULTA CHE LA GENTE NEL 1800, MORIVA DI UNA MALATTIA DOVUTA ALL’USO PROLUNGATO DI GRANOTURCO ALTERATO. DI CHE MALATTIA SI TRATTA?
La pellagra.

35. IN SEGUITO A CHE COSA, ALL’INIZIO DEL 1800, SI COSTRUÌ IL CIMITERO COMUNALE FUORI DELL’ABITATO?
In seguito all’ editto di Napoleone che proibiva di seppellire sotto il pavimento delle Chiese o sul sagrato.

36. IN CHE ANNO FU INAUGURATO IL VECCHIO CIMITERO?
Il 18 Ottobre 1803.

37. COME SI CHIAMAVA IL PRIMO SOLBIATESE SEPOLTO NEL CIMITERO VECCHIO?
Crivelli Giuseppe.

38. A CHI ERA DEDICATA LA LAPIDE SULLA CINTA DEL CIMITERO VECCHIO?
Al parroco don Francesco Combi.

39. CHE COSA AVVENNE IL 23 AGOSTO 1823?
In Cotonificio si cominciò la lavorazione del cotone.

40. DOVE SORSE IL COTONIFICIO?
Sull’ area occupata prima dai due mulini.

41. AD OPERA DI CHI SORSE IL COTONIFICIO?
Dell’ industriale di Gallarate Andrea Ponti.

42. QUANTI OPERAI (UOMINI E DONNE) LAVORAVANO IN COTONIFICIO AL MOMENTO DELLA SUA APERTURA?
153, di cui 12 donne.

43. PERCHÉ IL NOBILE GIULIO TERZAGHI, SIGNORE DI SOLBIATE OLONA, NON POTÉ ESSERE PRESENTE ALLA LETTURA DEL TESTAMENTO DELLO ZIO, IL MARCHESE ALESSANDRO TERZAGHI?
Perché era residente all’ estero, cioè Genova.

44. NEL SUO LIBRO SUL LOMBARDO-VENETO, CHE COSA DICE CESARE CANTÙ A PROPOSITO DEL COTONIFICIO?
Dice che è la filatura più grande della Lombardia con 400 operai, telai meccanici, una tintoria ed è illuminata a gas.

45. NEL 1890, ANDREA PONTI CHE COSA FA COSTRUIRE A SOLBIATE OLONA?
L’ asilo e la scuola elementare fino alla 3^ classe.

46. NEL 1890 MORÌ IL CONTE FRANCESCO DEL MAINO, CHE INCARICO AVEVA A SOLBIATE OLONA?
Era sindaco.

47. IL CONTE FRANCESCO DEL MAINO ALLA SUA MORTE, LASCIÒ UNA COSPICUA SOMMA DI DENARO AL PAESE DI SOLBIATE OLONA. PER COSA DOVEVA SERVIRE?
Per l’ assistenza ospedaliera ai bambini dalla nascita fino ai 14 anni.

48. NELLO STATUTO DEL 1903, SI DICE CHE IL GIORNO 13 DICEMBRE DI OGNI ANNO…
Si dovevano distribuire una cuffia, un corpetto, un paio di calzine e oggetti di tela a ciascun neonato delle famiglie dei coloni.

49. QUANTI ERANO GLI ABITANTI DI SOLBIATE OLONA NEL 1913?
2.350.

50. CHI FU ALLA GUIDA DEL COTONIFICIO NEL 1914?
Federico e Alfredo Tobler.

51. PERCHÉ NEL 1914, ETTORE PONTI NON SI OCCUPÒ PIÙ DEL COTONIFICIO?
Perché era diventato senatore del Regno.

52. CHE SIMBOLO PORTAVANO I PRODOTTI CHE USCIVANO DAL COTONIFICIO?
Un gallo.

53. PERCHÉ GLI OPERAI DEL COTONIFICIO NON SCESERO MAI IN SCIOPERO?
Perché ebbero dai datori di lavoro tanti servizi sociali: un ambulatorio, bagni pubblici, campo sportivo e soggiorni gratuiti per cure in località marine termali.

54. DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE, I SOLBIATESI ACCOLSERO I RIFUGIATI DI QUALE REGIONE?
Veneto.

55. QUANTI SOLBIATESI PARTIRONO PER LA PRIMA GUERRA MONDIALE?
408.

56. QUANTI FURONO I SOLBIATESI MORTI E DISPERSI NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE?
35 morti e 9 dispersi.

57. IN CHE ANNO FU ERETTO IL MONUMENTO AI CADUTI?
1921.

58. IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DELLA FONDAZIONE DEL COTONIFICIO, CHE COSA SI FECE?
Si costruì la prima casa operaia e il comune ricevette il terreno per il nuovo cimitero.

59. INTORNO AL 1825, SOLBIATE OLONA ERA L’UNICO PAESE A POSSEDERE…
Strade asfaltate e un centro sportivo con campi da tennis, da bocce, da pallavolo, da pallacanestro, pista per corse, sala cinematografica, sala da ballo, banda musicale.

60. PERCHÉ NEL 1840 SI CESSÒ DI ALLEVARE IL BACO DA SETA?
Perché la seta non poteva essere più venduta a causa delle sanzioni.

61. QUANTI SOLBIATESI PARTIRONO PER LA SECONDA GUERRA MONDIALE?
400.

62. QUANTI SOLBIATESI NON TORNARONO DALLA SECONDA GUERRA MONDIALE?
20.

63. DOVE MORÌ IL PARTIGIANO MORONI PIETRO?
Nel campo di concentramento Buchenwald.

64. IN QUALI ANNI FU COSTRUITA LA CHIESA PARROCCHIALE?
Negli anni 1940 e 1941.

65. CHI BENEDISSE LA PRIMA PIETRA DELLA CHIESA PARROCCHIALE?
Il Cardinale Idelfonso Schuster.

66. QUANDO FU BENEDETTA LA PRIMA PIETRA DELLA CHIESA PARROCCHIALE?
Durante la visita pastorale del 10-11 ottobre 1939.

67. QUANDO FU CONSACRATA E DA CHI LA CHIESA PARROCCHIALE?
Il 30 Luglio 1943 dal cardinale Idelfondo Schuster.

68. COME SI CHIAMAVA IL PARROCO CHE EDIFICÒ LA CHIESA PARROCCHIALE?
Don Giovanni Calvi.

69. CHE COSA FECE PASSARE SOLBIATE DA PAESE AGRICOLO A PAESE INDUSTRIALE?
La costruzione della SIR (Società Italiana Resine).

70. IN CHE ANNO SI PUÒ DIRE CHE SOLBIATE PASSÒ DA PAESE AGRICOLO A PAESE INDUSTRIALE?
Dal 1957.

71. DA DOVE VIENE IL NOME SOLBIATE OLONA?
Dal “sol a bas” cioè “un solo abate” che abitava nel convegno degli Umiliati.

72. NEL 1813, DI QUANTO ERA IL BILANCIO DEL COMUNE DI SOLBIATE OLONA?
Era di 20 lire.

73. DOVE SI SEPPELLIVANO I MORTI PRIMA DEL 1803?
Sotto il pavimento della Chiesa del Sacro cuore o in un piccolo cimitero davanti la Chiesa stessa.

74. IN CHE ANNO FU COSTRUITA LA FERROVIA?
Nel 1902.

75. FIN DOVE ARRIVAVA LA FERROVIA?
Fino a Mendrisio, Svizzera.

76. QUANDO VENNE ATTUATO IL PRIMO SERVIZIO DI AUTOBUS?
Nel 1952.

77. COME ERA CHIAMATO NEL 1289 SOLBIELLO?
Subiate Superius.

78. IN CHE ANNO SOLBIELLO ENTRÒ A FAR PARTE DEL COMUNE DI SOLBIATE OLONA?
Il 1° Maggio 1893.

79. SU DECRETO DI CHI SOLBIELLO ENTRÒ A FAR PARTE DEL COMUNE DI SOLBIATE OLONA?
Re Umberto I° di Savoia.

80. QUANDO FU FONDATO L’ASILO?
Nel 1885.

81. IN CHE ANNO LE SUORE PRESERO LA DIREZIONE DELL’ASILO?
Nel 1921.

82. QUAL È UNA DELLE FAMIGLIE PIÙ ANTICHE DI SOLBIATE OLONA?
I Gessagli.

83. IN CHE ANNO FU STABILITO CHE OGNI COMUNE DOVEVA AVERE UNA GUARDIA NAZIONALE?
Nel 1860.

84. COME VIENE NOMINATO SOLBIATE OLONA NEGLI “STATUTI DELLE STRADE ED ACQUE” DEL 1346?
“El locho de Sulbia de sopra”.

85. NEL 1432, CHI PARLA DI UN’OLONA CON ACQUE CRISTALLINE… ATTE ALLA PESCA DI LAMPREDE E TROTELLE?
Francesco Pizzolpasso.

86. IN CHE LOCALITÀ NASCE L’OLONA?
Sul pendio del Sacro Monte in località La Rasa.

87. QUANTO È LUNGO IL FIUME OLONA?
104 Km.

88. QUANDO È STATO CONFERITO AL COMUNE DI SOLBIATE OLONA IL GONFALONE?
Nel 1964.

89. QUALE PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONFERÌ IL GONFALONE AL COMUNE DI SOLBIATE OLONA?
Antonio Segni.

90. NEL GONFALONE DI SOLBIATE OLONA, IL COTONIFICIO DA CHE OGGETTO È RAPPRESENTATO?
Da un fuso.

91. COM’ERA FORMATO IL VECCHIO STEMMA DEL COMUNE DI SOLBIATE OLONA?
Era formato da uno scudo con in mezzo un ponte sotto cui scorreva un fiume mentre, nella parte superiore, splendeva il sole.

92. IN CHE GIORNI SI USAVA FARE IL BUCATO NELL’OLONA?
Il sabato ed il lunedì.

93. CHE COS’ERA LA “STANGA”?
Il bastone che serviva per trasportare i panni bagnati a spalla.

94. PERCHÉ ALLE ORE 10 SUONAVA IL “CAMPANON”?
Per avvisare i cittadini di tornare a casa dalla campagna perché faceva troppo caldo per lavorare.

95. CHE COS’ERANO I “BIGATTI”?
I bachi da seta.

96. IN QUALE GIORNO DELL’ANNO SI COMINCIAVA L’ALLEVAMENTO DEI BACHI DA SETA?
Il 24 Aprile, festa di San Giorgio.

97. CHE COSA SI FACEVA DEI BOZZOLI PIÙ BELLI?
Venivano offerti al parroco per i bisogni della parrocchia.

98. SE IN “POSTERIA” SI CHIEDEVANO “L’AVE MARIA E IL PATER NOSTER”, CHE COSA DAVA IL NEGOZIANTE?
Dava un tipo di pasta fine detta Ave Maria e un tipo di pasta grossa detta Pater Noster.

99. PERCHÉ SI COLTIVAVA IL RAVIZZONE?
Per ricavarne olio.

100. QUAL È LA PRIMA DATA CERTA SU SOLBIATE OLONA?
Anno 1192.
 

Storia  

Inizio pagina