Notiziario Agenda Tempo Libero Immagini Storia Comuni Associazioni Ecomuseo

Contatti

Provincia
Contro l'attacco del grano canadese, prende quota la coltivazione dell'Airbus
Avviata localmente una sperimentazione alla ricerca di varietà più pregiate e adatte alla panificazione

28 Giugno 2017 - I giovani agricoltori di Varese in prima linea per sperimentare il grano “anti-Canada”. È quanto diffuso la Coldiretti provinciale, in occasione della Festa dell’inizio Trebbiatura organizzata da Campagna Amica il 23 giugno in piazzale De Gasperi a Masnago, durante la quale i consumatori hanno avuto la possibilità si scoprire le varietà di grano prodotte in provincia dagli associati Coldiretti.

La cultura sperimentale nella provincia di Varese è una particolare varietà di frumento chiamata Airbus, adatta alla panificazione. "Questo speciale frumento piantato a novembre, è migliore per la panificazione rispetto alle altre varietà coltivate in Italia — racconta Pietro Colombo, coltivatore di 23 anni di Ferno —. Negli ultimi anni, invece, nel nostro Paese la tendenza è stata quella di prediligere le farine più forti e quindi migliori per fare il pane, come quelle canadesi. Ecco perché abbiamo iniziato la sperimentazione con l’Airbus".

Secondo Coldiretti, tutto questo cozza con trattato Ceta, l’accordo di libero scambio con il Canada contestato per il via libera alle imitazioni canadesi dei prodotti locali più tipici, al quale si contrappone un'apertura giudicata indiscriminata al grano duro trattato in preraccolta con il glifosato vietato in Italia. "Questo accordo — è un regalo alle grandi lobby industriali dell’alimentare - lamenta Fernando Fiori, il Presidente della Coldiretti il Presidente della Coldiretti il Presidente della Coldiretti Varese -. Colpisce il vero Made in Italy e favorisce la delocalizzazione, con pesanti riflessi sui temi della trasparenza, della sanità, dell’ambiente e oltre all’occupazione".

Sotto il Sacro Monte, lo spazio destinato al grano, dal 2014 al 2016, ha fatto registrare un aumento del +1,2% circa, arrivando a 482 ettari coltivati, simbolo di una riscoperta dei prodotti locali, in continua crescita. 

Privacy Policy
Volete restare sempre aggiornati?
Iscrivetevi alla newsletter

Stock Photography
Tutti i diritti riservati - E' vietata la riproduzione, anche parziale dei contenuti, senza autorizzazione
Testata registrata presso il Tribunale di Busto Arsizio n. 09/09
P.IVA 02231370129