Notiziario Agenda Tempo Libero Immagini Storia Comuni Associazioni Ecomuseo

Contatti

Olgiate Olona
Il Bimbo d'oro dell'Opai nella storia del paese e nelle pagine dei ricordi
Consegnato il Cardo d'Oro a Lino Faccincani, imprenditore e benefattore, consacrato in un libro di Enrica Ferrazzi

11 Maggio 2017 - Sabato 6 maggio la comunità di Olgiate Olona si è stretta intorno a Lino Faccincani, il ricco imprenditore tessile che negli anni Quaranta dello scorso secolo fu ospite del preventorio dell’Opera di prevenzione antitubercolare infantile (Opai) di Olgiate Olona. Nato in una famiglia povera, ospite quattro anni della Casa dei bambini dell’Opai, Lino Faccincani è poi divenuto con sacrifici e onestà imprenditore di successo, capace di condividere con altri la sua fortuna. Da bimbo povero divenuto milionario, non ha dimenticato la comunità olgiatese e da generoso benefattore ha elargito una sostanziosa donazione per garantire il benessere dei bambini di Olgiate Olona, promuovendo la crescita globale e non solo fisica dei fanciulli del paese.

In segno di riconoscenza, l’Amministrazione comunale ha deliberato il riconoscimento della più alta benemerenza civica, il Cardo d’oro, con la seguente motivazione.

Nato in una famiglia povera della campagna mantovana, ospite quattro anni della Casa dei bambini dell’Opera di prevenzione antitubercolare infantile (Opai) ubicata a Olgiate Olona in Villa Greppi-Gonzaga, divenuto con molti sacrifici imprenditore tessile di successo, capace di condividere fortuna e benessere acquisiti, Lino Faccincani non ha dimenticato la comunità olgiatese e ha generosamente contribuito a migliorare la qualità dei servizi per l’infanzia del paese. A questo bimbo povero divenuto milionario che ha coniugato tenacia e onestà con insolita capacità di fare impresa e spiccato senso di solidarietà va il Cardo d’oro 2017 con il plauso e la riconoscenza dell’Amministrazione comunale e dei cittadini olgiatesi.

“La consegna del Cardo d’oro è un momento positivo spiega Giovanni Montano, Sindaco di Olgiate Olona-, perché a tutti addita l’esempio di donne e uomini che con le proprie doti e il proprio ingegno si sono distinti in vari ambiti della quotidianità personale e collettiva e sono perciò meritevoli della gratitudine che il Cardo d’oro simboleggia".

Come altrove, anche a Olgiate Olona per migliorare la qualità della vita non bastano i talenti di chi si impegna per il bene pubblico "E' il contributo dei singoli e delle associazioni il surplus meritorio che accresce la ricchezza materiale e morale della comunità - prosegue Montano -. L’uomo premiato con il Cardo d’oro è un autorevole esempio di surplus meritorio che accresce la ricchezza materiale e morale del nostro paese".

Ora, il Cardo d’oro annovera Lino Faccincani tra i cittadini benemeriti del paese. "Un imprenditore fortunato, di successo e onesto - ribadisce il Sindaco -. Non significa solo additare i valori a lui cari come sacralità della famiglia, sacrificio nello studio e nel lavoro, solidarietà, quali punti di riferimento per la nostra comunità, perché ognuno possa fare grandi sogni e ambire a grandi progetti e possa fare di più e di meglio per sé stesso e per gli altri".

Con la tenace verve imprenditoriale e con la inossidabile generosità che da sempre lo contraddistinguono e alimentano la sua vitalità, Lino Faccincani ha deciso di aiutare Olgiate Olona a migliorare la qualità dell’educazione dell’infanzia non solo evocando le glorie della Casa dei bambini dell’Opai e non solo realizzando e omaggiando un volume per i bambini che racconta la sua vita, ma anche finanziando progetti concreti.

Durante la festa il signor Faccincani ha omaggiato i presenti con una copia del volume illustrato Chicco d’oro. Lino Faccincani da bimbo povero a milionario di Enrica Mariateresa Ferrazzi (editore Gallucci, illustrazioni Stefania Pravato), che narra la sua incredibile vita. Partendo da zero, con onestà e senza compromessi, facendo tesoro degli insegnamenti della mamma Elena Fiore che da bambino lo chiamava “chicco d’oro”, Lino è cresciuto senza vergogna di fare lavori umili e di spaccarsi la schiena, sacrificandosi senza cedere alle avversità, mai montandosi la testa dopo aver ottenuto successo e benessere, anzi condividendo con gli altri la propria fortuna. Quel bimbo povero divenuto milionario, nelle pagine di questo volume condivide il proprio tesoro più caro e inestimabile finora custodito gelosamente: la favola incredibile e però vera di una mamma e del suo chicco d’oro che non vissero sempre felici e contenti, ma il cui amore supera i limiti del tempo e dello spazio.

 

 

Privacy Policy
Volete restare sempre aggiornati?
Iscrivetevi alla newsletter

Stock Photography
Tutti i diritti riservati - E' vietata la riproduzione, anche parziale dei contenuti, senza autorizzazione
Testata registrata presso il Tribunale di Busto Arsizio n. 09/09
P.IVA 02231370129