Ferrovia della Valmorea
Notiziario Agenda Tempo libero Storia Comuni Immagini Aziende Associazioni Sport Contatti

La Ferrovia: Introduzione

Agli inizi del XX secolo i collegamenti ferroviari fra l’Italia e la Svizzera, e quindi verso l’Europa, avvenivano attraverso tre transiti internazionali, quello del San Gottardo (inaugurato nel 1882 ), in gran parte a binario unico, da Como San Giovanni portava a Camerata con pendenze che arrivavano al 18% e nel tratto Svizzero verso Mendrisio del 14%. La linea del Sempione, anch’essa a binario unico, caratterizzata dalla galleria elicoidale d’Iselle, lunga circa 3Km, e da pendenze del 18,% e la galleria di valico di 20 Km. Infine, il transito di Luino, da dove si raggiunge Bellinzona innestandosi sulla linea del San Gottardo, ancora oggi a binario unico.
 
La storia della linea internazionale Castellanza – Cairate / Lonate Ceppino – Mendrisio nacque per soddisfare il bisogno di nuove vie di comunicazione, verso la fine XIX° secolo. In quegli anni l’Italia aveva appena raggiunto l’unificazione nazionale, e all’inizio del 1900 lo sviluppo tecnologico industriale, che nel resto dell’Europa era invece gia avvenuto, così che un gruppo di industriali della Valle del fiume Olona vollero disporre di un collegamento verso l’Europa per il loro commercio, incluso l’importazione delle materie prime, senza passare per il nodo di Milano. in tale contesto si colloca la linea ferroviaria chiamata "della VALMOREA", con l’aperta all’esercizio per tratte successive da Castellanza a Stabio-Mendrisio (CH) nel corso degli anni che vanno dal 1900 al 1926, per una lunghezza complessiva di 38,500 chilometri.
 
Pagine curate dall'Associazione Amici della Valmorea
 
Chi siamo La Ferrovia Galleria Programma mostre
Amici della Valmorea

Questo spazio è offerto e gestito gratuitamente dal sito www.valleolona.com

Inizio pagina