Notiziario Agenda Tempo Libero Immagini Storia Comuni Associazioni Ecomuseo

Contatti

Castiglione Olona

 

Grafiche ed ex libris di Enrico Vannuccini

Sarà inaugurata sabato 13 maggio alle ore 16.00 al Castello di Monteruzzo la mostra in omaggio dell'incisore Enrico Vannuccini, uno dei più importanti maestri del secolo scorso nella realizzazione di ex libris. La mostra sarà visitabile gratuitamente fino al 31 maggio 2017 negli orari d'apertura dell'adiacente Biblioteca Civica.

L’Associazione Italiana Ex libris, in collaborazione con il Comune di Bodio Lomnago e con il patrocinio dei Comuni di Castiglione Olona e di Cortona, ha organizzato la mostra di grafiche ed ex libris “Enrico Vannuccini”. Filosofo, incisore, letterato e artista autodidatta, fu uno dei maggiori esponenti dell’arte incisoria del secolo scorso, grazie anche ad importanti frequentazioni, tra cui Marinetti e gli ambienti futuristi, De Chirico, Cardarelli, Savinio, Ungaretti, che influenzarono la sua formazione.

La mostra si compone di circa 150 puntesecche realizzate da Vannuccini in oltre 50 anni di attività artistica, dal 1937 al 1990, attraverso le quali è possibile ricostruire l’evoluzione artistica del maestro ma anche la recente storia italiana. Al silenzio artistico negli anni bui della Seconda Guerra Mondiale, fanno seguito gli anni della rinascita e della ricostruzione, ben rappresentati nei numerosi ex libris a lui commissionati dall’Ing. Gianni Mantero, figura di spicco del collezionismo exlibristico italiano e internazionale, ma soprattutto dell’architettura del dopoguerra nel Comasco e nel Milanese. Slogan quali “Nunc aedificandum” o “Super diruta construere”, inscritti all’interno delle opere, ben testimoniano lo spirito di rinascita del Dopoguerra. L’attualità e la tematica sociale sono poi prepotentemente riproposte nelle opere di Vannuccini nel 1978, quando incide “l’ex libris dei disoccupati” e la provocatoria lastra “Disoccupazione: miseria in famiglia”, dove le allegorie della previdenza e dell’assistenza calpestano i disoccupati.

Altrettanto importante è la cartella di quindici grafiche realizzate nel 1948 e pubblicate nel 1949 dall’Editore Luigi Filippo Bolaffio, esposte e riprodotte nel piccolo catalogo realizzato per accompagnare la mostra. Le grafiche illustrano altrettante poesie composte dallo stesso Vannuccini.

Una presenza costante nell’arte di Vannuccini è la figura femminile, a volte raffinata ed elegante, altre volte sensuale o nel contesto di un motivo erotico. Allo stesso modo, spesso, si incontrano visioni oniriche, talvolta inquietanti, di scheletri, soggetti mostruosi o teschi che circondano e accompagnano bambini o figure danzanti. Le ultime opere, incise pochi mesi prima della sua scomparsa, sono evidenti invocazioni verso l’Alto e verso una Luce, presagio e lucida consapevolezza di quanto sarebbe successo di lì a poco.

Diversi sono gli appuntamenti e le opportunità per visitare la mostra celebrativa di questo grande artista, uomo semplice, solitario e schivo: la prima location sarà il Castello di Monteruzzo a Castiglione Olona (VA), dal 13 al 31 maggio 2017. La seconda esposizione sarà invece a Cortona, il paese natale di Vannuccini, dove le sue opere potranno essere ammirate al Chiostro di Sant’Agostino, nel cuore della cittadina, dal 10 al 18 giugno 2017; infine, il prossimo luglio il ciclo di mostre di chiuderà nel Varesotto, a Bodio Lomnago.

 

 

Privacy Policy
Volete restare sempre aggiornati?
Iscrivetevi alla newsletter

Mercati settimanali e periodici

Stock Photography
Tutti i diritti riservati - E' vietata la riproduzione, anche parziale dei contenuti, senza autorizzazione
Testata registrata presso il Tribunale di Busto Arsizio n. 09/09
P.IVA 02231370129