Un alpinismo irripetibile – 8 giugno

Venerdì 8 Giugno alle ore 20.45 all’Aula Magna della LIC-Università Cattaneo il CAI – Sezione di Castellanza, con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Città di Castellanza, propone una serata dedicata agli amanti della montagna sul tema “Un alpinismo irripetibile”, dedicata alla prima salita invernale integrale della cresta del Peutérey (Monte Bianco) nel dicembre 1972 e ad altre importanti ascensioni invernali fatte dai fratelli Arturo e Oreste Squinobal, guide alpine di Gressoney.

La cresta integrale di Peutérey è un continuo susseguirsi di salite e discese “complicate”, da ogni punto di vista alpinistico le si voglia considerare.

Con otto chilometri di sviluppo è la più lunga cresta delle Alpi, il dislivello tra il punto di partenza e l’arrivo in vetta al Monte Bianco è di 3400 metri, ma per gli alpinisti, considerando i continui saliscendi, corrisponde a circa 5000 metri.

La prima ascensione integrale della cresta di Peutérey è stata realizzata nell’estate del 1953, poi fino agli anni 70 seguirono poche ripetizioni in estate e alcuni tentativi, falliti, di scalare la cresta in inverno.

Nel dicembre del 1972 la cresta venne scalata per la prima volta in inverno dai fratelli Arturo e Oreste Squinobal, due giovani guide alpine di Gressoney i quali, con pochi mezzi e tanto talento, riuscirono a portare a termine l’impresa, realizzando prima salita integrale della Peutérey.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.