Chi ha l’Olona nel cuore, può dare una chance al Lazzaretto di Marnate

La storica chiesetta di Marnate candidato ideale per rappresentare tutta la Valle nell’iniziativa del FAI

Appuntamento diventato ormai tradizione con l’avvicinarsi dell’inizio dell’estate, puntualmente ritorna I luoghi del cuore, l’iniziativa del FAI, per una sorta di censimento di questi tantissimi tesori italiani legati alla storia, alla quale la popolazione tiene in modo particolare. Più ancora del valore artistico o storico, spesso è proprio il valore affettivo, il legame con la comunità ad accendere i  riflettori. Senza comunque dimenticare l’altro obiettivo, quello molto più concreto.

In comune a tanti di loro, se non tutti, uno stato di degrado o di abbandono, al quale in tanti sperano sempre di vedere scritta la parola fine. Questo è l’impegno assunto dal FAI ormai da nove anni, con I luoghi del cuore. Una sorta di votazione popolare, dove ciascuno è libero di registrare e quindi votare il proprio luogo da salvare, attivandosi per riuscire a condividere la preferenza il più possibile e quindi scalare la classifica. A fine votazioni, il 30 novembre, per i vincitori si aprono le porte di una rinascita, proprio grazie al FAI.

Non serve molto per immaginare come la Valle Olona abbia molto da dire sotto questo profilo, per certi versi anche troppo. I luoghi tanto preziosi quanto abbandonati non mancano, a partire da quello più simbolico anche solo perchè più in vista: la Ferrovia della Valmorea. E proprio lungo il suo percorso se ne trovano tantissimi altri, dalla Scaletta di Solbiate Olona, alla fontana di Lonate Ceppino, passando per i tanti mulini, fino ad arrivare all’Area della pesa a Castiglione Olona. Altrettanti, se non di più, se ne possono incontrare risalendo la valle e attraversando i paesi.

Come ha insegnato il passato, probabilmente anche troppi ragionando in ottica dell’iniziativa del FAI. Troppi perchè in un territorio dove si fa sempre troppa fatica a guardare oltre il proprio confine, fino quando ciascuno coltiva solo il proprio interesse, nessuno potrà mai arrivare a un traguardo. Agire in ordine sparso alla fine contribuisce probabilmente non far vincere il proprio rivale, ma certamente a far uscire tutti perdenti.

Per chi ha invece veramente a cuore la Valle Olona nel suo insieme, può invece essere arrivato il momento del riscatto, l’occasione giusta per dimostrarlo con i fatti, e senza rischiare un euro. Vale a dire, concentrare tutti i voti su un unico luogo.

Probabilmente, il problema potrebbe diventare scegliere quale. Questione facilmente risolvibile con pochi passaggi. Fermo restando che debba trattarsi di un luogo effettivamente simbolico, meglio ancora se legato alla storia, e di un certo pregio, le quotazioni aumentano se in qualche modo è già al centro dell’attenzione o comunque può già contare su un movimento orientato al recupero.

Un identikit dal quale scaturisce presto una candidatura spontanea: il Lazzaretto di Marnate. Da diversi mesi ormai, intorno a questa preziosa testimonianza del passato locale sta crescendo un gruppo di persone intenzionato a ridargli dignità dopo anni di abbandono e prima di vedergli fare la stessa fine del vicino mulino, ormai condannato per un abbandono oltre il tempo massimo. Storia, religione, posizione, affetto, emotività, e soprattutto voglia di riscatto in questo momento qua si combinano meglio che in ogni altro luogo della Valle Olona.

Per questo, almeno per quest’anno, vale la pena di unire le forze, far girare la voce il più possibile e provare a credere in una sfida nella quale la Valle Olona finora ha sempre dimostrato solamente di sapersi muovere all’insegna della massima dispersione. L’elenco degli esempi sarebbe molto lungo, ma questo è momento di concentrarsi solo sul Lazzaretto di Marnate.

Dal 30 maggio al 30 novembre si può votare in 2 modi. Online o con firma cartacea, attraverso raccolte di firme espressamente organizzate durante il periodo in tutta la Valle Olona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.