Dall’8 marzo all’8 aprile, il lungo omaggio alla donna di eWleDonne

Incontri, arte, fotografia e pittura per una lotta senza termine contro la violenza

Come tutti gli anni, lo scorso 8 Marzo si è celebrata  la giornata internazionale della donna, dedicata al riconoscimento della lotta, alle conquiste contro discriminazione e violenze di cui sono (ancora) vittime. Non tutti però conoscono l’origine di questa ricorrenza. Nel 1909 cominciarono in America manifestazioni di donne che volevano il riconoscimento di alcuni diritti, tra cui per esempio il voto. Però, fu nel 1917 che in Russia, a San Pietroburgo, le donne scesero in piazza per chiedere la fine della guerra. Era proprio l’8 marzo e la data venne adottata per celebrare la festa. In Italia ci si arrivò alcuni anni più tardi ma si consolidò nel 1945 quando venne scelta anche la pianta ufficiale:la mimosa perché fiorisce proprio in quei giorni. Col passare degli anni oltre ai diritti il tema della violenza accresceva di interesse e otteneva sempre più spazio.

Intanto anche il calendario delle ricorrenze si arricchiva di appuntamenti e oggi, per esempio, il 9 Marzo è la giornata internazionale del rene, l’11 è la giornata dell’etica istituita dalla federazione mondiale dei centri e club Unesco. E Marzo è il mese del riciclo di carta e cartone. Sarà anche per questo che un minuto dopo le 24 del giorno 8 non si parla più della (violenza sulla) donna? O meglio sarebbe così se la quotidianità non ci proponesse violenze alle donne sempre più frequenti, al punto che ultimamente gli esperti hanno coniato il termine “femminicidio” per identificare un reato ben preciso.

In questo contesto, alcune associazioni di Tradate hanno pensato di prolungare la festa della donna o meglio dell’opportunità di parlare della violenza contro le donne. Così a distanza di un mese, trascorso contattando le associazioni per individuare quelle interessate e discutendo su come organizzare l’evento, il 6-7-8 Aprile a Villa Truffini è in programma eWleDonne, col patrocinio del comune di Tradate. Per sollecitare la partecipazione, le associazioni hanno pensato per il programma al grimaldello dell’arte e in particolare di fotografia e pittura: delle gigantografie di volti di donna sono state messe a disposizione di Sciuccati Maurizio, un appassionato di fotografia; il Gruppo Acquarello Pineta esporrà dei quadri, realizzati con la tecnica dell’acquarello, ispirati alle donne. All’iniziativa parteciperanno anche il gruppo Anziani sempreattivi; in collaborazione con i ragazzi di terza dell’Istituto Geymonat di Tradate, realizzeranno un servizio fotografico oggetto di un altro evento. I ragazzi di quarta dell’Istituto Geymonat di Tradate in collaborazione con Web Radio Tradate, realizzeranno infatti le interviste ai protagonisti della mostra e al pubblico.

Non resta che vederci alla mostra.

Michiamoaldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.