Grazie agli Ambasciatori della demenza, con l’Alzheimer si va anche a far la spesa

I commercianti di Tradate protagonisti di un innovativo progetto di sensibilizzazione e aiuto alla persona

Con il supporto fondamentale del Comune e dei Servizi sociali in particolare, nel 2017 le associazioni dell’area anziani di Tradate, hanno aderito al progetto internazionale Dementia Friendly Community, rappresentato in Italia dalla Federazione Alzheimer Italia. L’obiettivo fondamentale del progetto è realizzare una comunità amica della demenza, sensibilizzando i cittadini ed elevando il livello di consapevolezza attraverso una serie di iniziative che comprendono analisi e conoscenze del bisogno ed eventi di informazione/formazione in generale rivolte ai cittadini ma anche a specifiche categorie.

Al tavolo delle demenze, partecipano associazioni e istituzioni. Tra queste, anche la Fondazione Velini che Venerdì 23 Febbraio ha coordinato l’organizzazione di un corso di formazione per i commercianti che svolgono l’attività nella stessa zona della Fondazione. L’idea è stata di Monica Ravarotto, responsabile risorse umane della Velini e una delle anime più creative del sodalizio tradatese, pensata per le esigenze dei commercianti.

L’invito a gustarsi un buon caffè al Caffè della piazza di via Santo Stefano era per le 14.30. Fino alle 15.30, tempo sufficiente ad ascoltare gli esperti. Al tavolo, oltre a Monica e l’ing. Renato Fabbris presidente della Fondazione Velini, il vicesindaco e assessore ai servizi sociali Franco Accordino, il dott Giuseppe Riva e il dott Renzo Imperiali si sono alternati parlando della malattia e suggerendo informazioni utili per sapere come comportarsi nel caso persone affette da demenza entrino in negozio. Per esempio, ascoltare con attenzione quando parlano, parlare lentamente con frasi semplici e brevi.

Questo tipo di iniziativa è rivolta prevalentemente ai commercianti, ma la presenza di clienti ovviamente non comporta che vengano allontanati. Anzi, come è successo, possono partecipare anche loro e gustarsi il caffè. Ambasciatori della demenza; questo il termine coniato dal progetto per i commercianti che imparano come rapportarsi in modo corretto e, quando possono, informano i colleghi sulla malattia.

L’iniziativa è un nuovo tassello di un progetto di avanguardia per curare, che si basa su ciò che la persona può ancora fare per ridurre l’emarginazione e il pregiudizio sociale, nei confronti della persona con demenza e dei loro familiari. Partecipare alla vita attiva della comunità, è ingrediente indispensabile per la buona riuscita del progetto.

michiamoaldo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *